Sportivo e amante della buona cucina: l'identikit del turista che sceglie l'Umbria

Sportivo e amante della buona cucina: l'identikit del turista che sceglie l'Umbria

È il turismo sostenibile il filo conduttore delle proposte dell’Umbria per il 2020. A elencare i prodotti  su cui la Regione punta per attrarre i mercati internazionali è stata Chiara Dall’Aglio, responsabile Turismo Regione Umbria. “Punteremo molto sugli itinerari religiosi – ha spiegato al Wtm di Londra – come la Via di Francesco, ma anche sul cicloturismo, il modo migliore per percorrere l’Umbria in maniera veramente sostenibile”.

A questo si aggiunge un prodotto tradizionale per la regione: gli eventi culturali. “Ce ne sono tantissimi e si svolgono in ogni parte dell’anno – specifica Dall’Aglio -: un fattore di attrazione forte soprattutto per i visitatori provenienti dal Regno Unito”.

Cosa vogliono i viaggiatori
Intanto dai dati del portale umbriatourism.it raccolti nel periodo maggio – ottobre 2019 si può facilmente ricavare l’identikit del turista tipo che sceglie la regione: è prevalentemente donna, di età compresa tra i 35 e i 44 anni e amante del turismo attivo, con grande interesse per i percorsi di trekking, ma anhce per gli itinerari da fare a piedi. Le mete preferite sono Perugia, Assisi e Spoleto, ma aumentano i consensi anche per la Cascata delle Marmore, il lago Trasimeno e la sorpresa Rasiglia, il piccolo borgo denominato ‘la piccola Venezia dell’Umbria’.

Le eccellenze enogastronomiche
Forte la curiosità anche per le eccellenze enogastronomiche del territorio: la sezione del portale dedicata ha avuto, in cinque mesi e mezzo, oltre 56mila accessi a fronte dei 3.423 dello stesso periodo del 2018, con il Regno Unito bacino di fondamentale importanza insieme a quello italiano, a quello statunitense e all’australiano.

E per finire il perfetto turista umbro alloggia in un angolo di paradiso come la Loggetta dove poter riposarsi e gustare al meglio i sapori dell’Umbria tutta e in particolare del lago Trasimeno.

Prenota la Loggetta, che aspetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *